Un muro per ascoltare gli aerei nei pressi di San Placido Calonerò? Lo sapevano pure i “babbi ill’unpa” Accanto al Monastero di San Placido Calonerò

Esprimi il tuo gradimento

Accanto al Monastero di San Placido Calonerò, poco prima di arrivare a Pezzolo, c’è una strana
struttura in cemento armato a forma di stella a tre punte che recentemente lo storico Luciano Alberghini Maltoni ha svelato essere “muro di ascolto”, un edificio utilizzato durante la seconda guerra mondiale per ascoltare gli aerei, una sorta di radar.

Lui stesso nel Dodecaneso, in Grecia, ne ha ristrutturato uno identico realizzato anch’esso dall’aeronautica italiana per l’84° Gruppo e la 147° Squadriglia, dal 1923 al 1943 di stanza a Leros con compiti di Ricognizione Marittima Lontana.

Il Dodecaneso fu, infatti, occupato dagli italiani nel 1912 in seguito agli eventi della guerra italo-turca in Libia e diventò “Possedimento italiano delle isole dell’Egeo” in seguito al trattato di Losanna del 1923.

L’isola di Leros, così come tutto il Dodecaneso, rimase italiana fino al 1947 e fu sede di un’importante e strategica base aeronavale.

Grazie alla presenza italiana l’isola fu, peraltro, protagonista di uno sviluppo architettonico razionalista di gran pregio.

Da questa struttura militare, ascoltato l’aereo veniva prontamente data comunicazione agli operatori dell’UNPA (Unione nazionale protezione antiaerea), l’organizzazione di protezione civile istituita il 31 agosto 1934, che verso la fine del conflitto, per lo stato di grave emergenza, era costretta a reclutare persone in età avanzata o in stato fisico non perfetto. Da qui l’appellativo del tutto messinese “babbi ill’unpa”.

Michele Palamara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *